Art. 570 C.P. Quando l’omesso pagamento del mantenimento non è reato?

18/10/2017|News|

Non è sufficiente un generico riferimento ad una situazione di difficoltà economica per escludere la penale responsabilità in ordine al reato di cui all’art. 570 del codice penale in caso di mancata corresponsione del mantenimento fissato dal giudice civile. La giurisprudenza di merito è sempre più orientata a valutare con criteri estremamente rigorosi il così detto “stato di impossibilità” che solo può far venir meno la responsabilità penale del soggetto che non ottemperi all’obbligo di mantenimento impostogli da una sentenza civile. Con l’entrata in vigore dell’art. 3 della L. 8 febbraio 2006, n. 54, è stata parificata la violazione degli obblighi di mantenimento previsti dalle sentenze di divorzio alla violazione dei medesimi obblighi previsti nelle sentenze di separazione personale. Per quanto concerne l’elemento soggettivo, la fattispecie di cui all’art. 570 c.p. non richiede il dolo intenzionale, essendo sufficiente il dolo generico ai fini della configurazione del reato. Pertanto, l’unica possibilità [...]

CHE COS’E’ UN DECRETO INGIUNTIVO.

12/10/2017|News|

Tutti possono essere destinatari di un decreto ingiuntivo, Aziende o Privati Cittadini. Ma che cos'è un decreto ingiuntivo? E' un ordine di pagamento emesso da un Giudice. Maggiori dettagli nel video. https://youtu.be/iPrxqHk8IOI Per ulteriori informazioni contattate lo Studio: Tel: 0421/52823 - Cell: 347/6487021 - Mail: pavan.girotto@gmail.com Avv. Francesco Pavan  

SI PUO’ OCCUPARE UN PARCHEGGIO A BORDO STRADA? NO…. ED E’ ANCHE REATO.

10/10/2017|News|

Succede spesso di vedere parcheggi a bordo strada occupati da oggetti di vario genere che servono per tenere occupato il posto. Si può fare? Occupare il suolo pubblico per riservarsi un parcheggio e non dover perdere tempo a cercarlo, E' VIETATO, e può comportare conseguenze sia di carattere amministrativo (multa) che penale. Conseguenze amministrative Dal punto di vista amministrativo, un simile comportamento integra una fattispecie vietata dal codice della strada: l'occupazione della sede stradale. L'articolo 20 del codice della strada, infatti, stabilisce che "sulle strade di tipo A), B), C) e D) è vietata ogni tipo di occupazione della sede stradale, ivi compresi fiere e mercati, con veicoli, baracche, tende e simili; sulle strade di tipo E) ed F) l'occupazione della carreggiata può essere autorizzata a condizione che venga predisposto un itinerario alternativo per il traffico ovvero, nelle zone di rilevanza storico-ambientale, a condizione che essa non determini intralcio alla [...]

Ascensore Condominiale. Chi deve pagare?

06/09/2017|News|

Per installare l'ascensore non occorre il preventivo parere dell'Assemblea Condominiale. Il caso prende le mosse da un’azione proposta da alcuni condomini, i quali avevano convenuto in giudizio altri condomini chiedendo al Tribunale di «sentire accertare il costo dell’ascensore installato da questi ultimi nel Condominio […], e le relative quote di contribuzione nelle spese di gestione e manutenzione dell’impianto». A seguito del Giudizio il Tribunale accertava il riconoscimento del diritto degli attori all’acquisizione delle comproprietà dell’impianto ex art. 1121 c.c, accertava che il costo dell’ascensore fosse di euro 32.576,78 e determinava in proporzione e i rispettivi millesimi la quota di contribuzione a carico di ciascun attore. Contro la decisione i soccombenti presentavano Appello, il quale veniva respinto, cosicché si è arrivati in Cassazione. La Suprema Corte respingeva il ricorso sulla base di vari principi di diritto, tra i quali spicca il seguente: L’installazione dell’ascensore non deve necessariamente essere preceduta da delibera [...]